Auto elettriche, nuovi inviti per farle “rumorose”

auto ecologicheLa National Highway Traffic Safety Administration statunitense ha lanciato un nuovo allarme sulla silenziosità dei veicoli senza motore termico, ribadendo che l’eccessiva carenza di rumore delle auto elettriche sarebbe un pericolo per i pedoni e per i ciclisti. Dunque, bisogna correre ai ripari. Ma come? La risposta più utile è forse quella più semplice: cercare di rendere le auto elettriche un pò meno rumorose, mediante l’innesto di qualche segnale acustico.

La Nthsa ricorda in proposito che ogni anno 125 mila americani, fra pedoni e ciclisti, sono feriti in incidenti stradali, e che per le auto elettriche il tasso di incidentalità risulterebbe essere maggiore del 19 per cento rispetto a quanto non avvenga con le auto tradizionali. Per l’amministrazione, la principale causa sarebbe il fatto che le auto elettriche sono poco percepite: di qui, la proposta di regolamentare la materia, imponendo ai costruttori di auto elettriche di dotare i propri veicoli di dispositivi acustici, e renderli così meno silenziosi.

In tale ambito, affermano dal Politecnico di Milano, l’Europa è un pò più avanti degli Stati Uniti, visto e considerato che nel vecchio Continente un regolamento stabilisce che le auto elettriche e ibride dal 2019 debbano essere dotate di un sistema acustico. Il discorso tocca comunque anche le vetture a motore termico, con la legge e l’evoluzione tecnologica che le rendono sempre più silenziose. Insomma, può sembrare paradossale, ma così non è: uno dei principali pregi delle auto elettriche – la loro silenziosità – può trasformarsi in un concreto pericolo per la collettività. Pertanto, bisognerà renderle un pò più chiassose…

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi