Come funziona la batteria dell’auto?

Proprio come il telecomando del televisore o lo spazzolino elettrico, anche l’auto ha bisogno di una batteria per funzionare. Quando la batteria “muore”, l’auto non parte, lasciandoti dunque bloccato per strada.

Se quanto sopra è noto, è se anche sai che la batteria della tua auto è importante, capisci davvero come alimenta il motore, le luci e la radio? Forse no.

Cos’è una batteria?

Prima di saltare su termini troppo tecnici relativi alle batterie per auto, esaminiamo come funzionano le batterie in generale. La batteria è “un dispositivo che traduce l’energia chimica in elettricità“. Le batterie sono composte da cellule, che immagazzinano l’energia chimica e la trasformano in energia elettrica su richiesta. Il meccanismo è, in tal senso, piuttosto simile a quello che potresti sperimentare con tutti i dispositivi, come il telecomando del televisore o lo spazzolino da denti elettrico.

Come funzionano le batterie per auto?

La maggior parte delle batterie per auto si basano su una reazione chimica al piombo per realizzare le azioni di avviamento, illuminazione e accensione. Si tratta di un dispositivo che fornisce brevi raffiche di energia per alimentare le luci, gli accessori e il motore. Una volta che la batteria contribuisce ad accendere il motore, l’energia per l’auto viene fornita dall’alternatore. La maggior parte dei veicoli viene dotata di una batteria SLI generica dalla fabbrica che, comunque, può essere sostituita anche con versioni compatibili.

Detto ciò, una tipica batteria ha sei celle. Ogni cella ha due piastre, o griglie: una è fatta di piombo, l’altra di biossido di piombo. Ogni cella è in grado di produrre circa 2 volt di energia. Nella maggior parte delle batterie per auto si hanno sei celle, e dunque una batteria da 12 volt.

Le piastre sono immerse in acido solforico, utile per poter innescare una reazione tra le due piastre. In termini scientifici, l’acido agisce come catalizzatore. Questo acido a sua volta innesca una reazione sulla piastra di biossido di piombo, facendo sì che la piastra produca due cose: ioni e solfato di piombo.

Gli ioni prodotti dalla piastra di biossido di piombo reagiscono alla piastra adiacente per produrre idrogeno e solfato di piombo. Il risultato è una reazione chimica che produce elettroni. Gli elettroni corrono intorno alle piastre e generano elettricità, che fuoriesce dai terminali della batteria per avviare il motore, accendere i fari, ascoltare la radio e tanto altro ancora.

Questa reazione chimica è completamente reversibile, motivo per cui è possibile avviare la batteria e continuare a ricaricarla per tutta la durata della sua vita.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi