Il futuro delle auto secondo Ghosn

auto-del-futuroRecentemente Carlos Ghosn ha rilasciato un’interessante intervista al mensile Auto, nel quale ha cercato di illustrare quali siano le prospettive del mercato auto dalla propria, personale e privilegiata, posizione.

Ebbene, secondo l’amministratore di RenaultNissan, il futuro delle auto è legato allo sfruttamento di due tecnologie: i modelli a zero emissioni e quelle a guida autonoma per quanto concerne i primi, Ghosn ha precisato come l’obiettivo sia principalmente quello di procedere all’eliminazione dell’ansia da autonomia, costruendo batterie al litio che possano offrire più chilometraggio e, per dirla con le sue parole, permettere ai clienti di disporre di “abbastanza energia per tornare a casa con tranquillità”.

“Per questo abbiamo puntato per la Leaf model year 2016 su batterie con una alimentazione da 30 kWh che hanno le medesime dimensioni, ma più potenza, rispetto all’attuale unità del modello da 24 kWh” – aggiunge il top manager del gruppo.

Leggi anche: Tutte le novità auto del 2016

E per quanto attiene la guida autonoma? Due, secondo Ghosn, sono i problemi ancora da risolvere. “Il primo è ovviamente quello dell’affidabilità: il robot che ci sostituisce deve essere perfetto: guidando sotto forma di software e algoritmi, non deve sbagliare come gli umani”. Visione chiara anche per il secondo problema ancora da risolvere, la cartografia: “Il robot condurrà l’automobile ma dove potrà andare se non avrà una mappa dettagliatissima aggiornabile in tempo reale tenendo conto di incidenti, traffico, blocchi stradali ed eventuali lavori in corso lungo le strade?”.

Problemi non certo irrilevanti, che tuttavia non sembrano scoraggiare il chief executive officer di Renault – Nissan, anzi. Nuovi investimenti rilevanti sono infatti in corso di pianificazione, per poter consentire ai clienti di poter disporre di tecnologia adeguata, in tempi ragionevoli. Non ci rimane che attendere la formalizzazione delle prossime novità, convinti che Renault – Nissan non farà certamente la parte da spettatore…

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *