Immortus, ecco l’auto elettrica che può viaggiare all’infinito

immortusImmortus è uno dei progetti elettrici più interessanti che abbiamo avuto modo di intercettare nel comparto automotive nel corso degli ultimi mesi. La motivazione è abbastanza semplice: a patto di non esagerare con il piede dell’acceleratore, il veicolo promette di non fermarsi mai grazie ai pannelli solari installati sulla sua carrozzeria, e in grado di rigenerare continuamente la batteria utile per creare una riserva energetica in caso di necessità e, naturalmente, per poter alimentare il motore.

Realizzato dall’australiana EVX con 7 metri quadrati di pannelli solari sul tettuccio del veicolo elettrico, il concept Immortus sta acquisendo una grandissima notorietà e, secondo i suoi progettisti, sarebbe in grado di garantire una continuità di percorrenza… “sole” permettendo.

Stando ai calcoli della società, infatti, con il bel tempo l’auto può moversi a una velocità di crociera di circa 60 km/h senza intaccare l’energia di riserva. Se invece si supera la soglia dei 60 km/h, l’autonomia inizia a scendere, potendo comunque contare su un potenziale bacino di altri 550 km.

Leggi anche: Auto elettrica, ricarica senza fili della batteria

Naturalmente, un simile gioiellino tecnologico non è proprio alla portata di tutte le tasche. E a conferma di ciò c’è il dettaglio più sgradito, già affermato dall’azienda sviluppatrice: il prezzo di listino del veicolo partirà infatti da ben 328 mila euro. Che non sono esattamente pochi per tutte quelle persone che desiderano aggiudicarsi un veicolo a basse emissioni e grandissima – infinita – autonomia.

A niente serve sollevare il confronto con Tesla, altra società particolarmente attiva nel comparto delle auto elettriche, e certamente in grado di manifestare una maggiore forza commerciale, a prezzo più bassi di quelli della EVX. Gli australiani fanno infatti sapere di non volere entrare in concorrenza con Tesla, poichè i prodotto realizzati con la Immortus sono ben più esclusivi e dedicati a un pubblico ancora maggiormente esigente.

Insomma, un concept piuttosto chiaro e piuttosto ambizioso, che nel corso dei prossimi mesi potrebbe continuare a far parlare di sè…

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *