Le auto sabotate dagli hacker – il Video

auto sabotate

Il Video sulle auto sabotate dagli hacker

Al giornalista di Forbes Andy Greenberg, due noti hacker cibernetici hanno svelato come sia possibile con pochi e “semplici” gesti riuscire a boicottare il normale funzionamento di un automobile.

Tra le auto sabotate, ovviamente, figurano quelle fornite delle più moderne tecnologie, a dimostrazione di come, talvolta, una dotazione troppo all’avanguardia possa andare a creare più problemi di quanti al contrario possa risolverne.

Nel corso di questo articolo, noi di CarsItalia vi spiegheremo tutto ciò che c’è da sapere in merito alle auto sabotate dai due noti hacker e allegheremo il video dell’intervista girata circa tre anni fa per Forbes, nota rivista statunitense di economia e finanza.

Continuate a leggere!

Le auto sabotate dagli hacker: cosa si evince dall’intervista

Come spiegato dagli hacker nell’intervista concessa a Forbes, le auto sabotate sono state boicottate in quello che il normale funzionamento del motore, dei freni, del volante (il quale può sterzare improvvisamente anche a velocità molto alte), del GPS, dei sensori di parcheggio e di molti altri accessori ancora, il tutto tramite semplice collegamento ad un computer portatile e conseguente accesso remoto.

Valasek e Miller, questo è il cognome dei due hacker in questione, hanno dunque evidenziato i rischi insiti nelle tecnologie presenti nelle auto sabotate, le quali dovrebbero essere probabilmente più sicure e impossibili da compromettere da parte di terzi soggetti.

Tecnologie e auto sabotate: da che parte pende l’ago della bilancia?

D’altra parte, come è noto, ogni casa automobilistica vanta nelle sue campagne pubblicitarie la presenza di questa o quell’altra tecnologia a bordo delle sue vetture ultra moderne.

Senza dubbio, un’auto all’avanguardia è quanto di più allettante un acquirente possa desiderare, ma siamo davvero al sicuro a bordo di essa? O finiremo per rimpiangere le vetture di vecchia generazione, forti, solide e inviolabili da un personal computer?

Di certo, il pericolo evidenziato da Valasek e Miller in merito alle auto sabotate è, seppur solo potenzialmente, un dato di fatto cui prestare quanta più attenzione possibile.
Attenderemo quelle che sono le reazioni delle case produttrici.

Nel frattempo, alleghiamo il video delle auto sabotate dai due famosi hacker!

[play=http://www.youtube.com/watch?v=oqe6S6m73Zw]

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi