Mercato auto Europa e USA previsto in crescita

Secondo quanto rivela Euler Hermes, la società del gruppo Allianz leader mondiale nelle assicurazioni del credito, all’interno del suo rapporto ‘Auto Market – a live wire’, i segnali di ripresa di crescita più promettenti arriverebbero dai mercati auto “tradizionali” (ovvero, Europa e Stati Uniti), a fronte della flessione delle economie emergenti, oramai in fase di consolidata difficoltà, e dove si può facilmente riscontrare un vero e proprio crollo delle nuove immatricolazioni a causa della flessione economica.

Ne è dimostrazione, ad esempio, il fatto che le vendite cinesi sono previste in aumento di soli 3 punti percentuali nel 2015 e nel 2016, contro i 10 punti percentuali dello scorso anno. O ancora che in Brasile nel 2015 si prevede una flessione del 14% a 2,3 milioni di vetture, contro le 3 milioni di vetture del 2013. O ancora che la Russia si appresta a vedere contratto il proprio mercato di oltre un terzo, con 1,6 milioni di vetture, e che per l’India la crescita sarà di soli 6 punti percentuali, con il Paese asiatico che verrà dunque ricondotto ai livelli di produzione del 2011.

Leggi anche: Nuova crescita del mercato europeo, sorride la FCA

Contemporaneamente, i mercati maturi faranno la loro parte, e gli Stati Uniti – per il sesto anno consecutivo di crescita – riprenderanno la situazione ante-crisi. Secondo Euler Hermes il mercato USA nel 2015 salirà ancora del 4% fino a 17,5 milioni di vetture. Per quanto invece riguarda il mercato europeo, l’industria automobilistica è prevista continuare la sua marcia verso la ripresa, con un tasso di crescita almeno pari al 5%. All’interno del vecchio Continente a giocare un ruolo da protagonista sarà il Regno Unito, che guiderà il settore con un incremento delle immatricolazioni dal 5% al 6%.

Globalmente la produzione automobilistica mondiale dovrebbe aumentare nel 2015 del 2%, per poi recuperare il potenziale di crescita dall’anno successivo, nell’ordine del 3% o del 4%. Ad ogni modo, Euler Hermes avverte altresì che il settore è dinanzi a opportunità e pericoli piuttosto importanti. Quale sarà la strada intrapresa, solo il futuro sarà in grado di rivelarlo…

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *