Mercato auto, ottima ripartenza a gennaio 2016

autousataPrime avvisaglie positive in questo inizio 2016 per il mercato auto. I primi dati arrivano infatti dal mercato francese, che ha permesso alle principali società a quattro ruote di poter avviare ottimamente il nuovo esercizio e, in particolare, a Fca di fare ancora meglio delle concorrenti. Ne è derivato che a gennaio le immatricolazioni auto francesi sono cresciute del 3,5% nonostante la presenza di un giorno lavorativo in meno rispetto a quanto era stato verificato a gennaio 2015.

I dati, resi noti dalla Ccfa (l’associazione delle case automobilistiche francesi) evidenziano altresì che in un mercato che sarebbe cresciuto dell’8,6% a parità di giorni lavorati, Volkswagen è comunque riuscita a messo a segno un rimbalzo del 12%, dimenticandosi, almeno per il momento, del noto scandalo dieselgate. Sul fronte transalpino, buono il risultato di Psa Peugeot Citroen, cresciuta del 3,2%, mentre è del 2,9% la flessione di Renault.

Per quanto attiene i dati di casa nostra, le immatricolazioni di Fiat Chrysler Automobiles sul mercato francese hanno portato un incremento dell’8,4% annuo a 5.183 unità. Più nel dettaglio, buoni gli andamenti dei brand Fiat (+12,9%), Jeep (+5,4%), Alfa Romeo (+24,2%), mentre cala Lancia (-88,2%).

Leggi anche: Fca chiude 2015 con prestazione migliore del mercato

Oltre ai dati francesi, in giornata sono arrivati anche quelli spagnoli, dove il mercato delle quattro ruote ha segnato una crescita del 12,1% a gennaio, rispetto a un anno prima, a 76.395 unità. In questo caso Fiat fa meno della media (+ 10,3% a 2.605 unità), mentre Jeep più che raddoppia le unità immatricolate (da 216 a 484).

Prima dei dati europei, sono inoltre stati resi pubblici quelli giapponesi, con il Paese asiatico che ha annunciato che le vendite di nuove auto, compresi bus e camion, sono cresciute dello 0,2% a gennaio rispetto allo stesso periodo di un anno prima. Le vendite sono state in tutto 237.661 unità nel mese di gennaio, con le vendite di mini car che stanno perdendo appeal, retrocedendo dell’11,6% su base annua anno a 145.215 veicoli.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *