Nissan studia l’auto fosforescente: la comprereste?

nissan leafNon paga di aver creato l’auto a emissioni zero più diffusa in Europa, la Nissan Leaf (+ 33% delle vendite, per una quota di mercato delle vetture elettriche pari a un quarto), Nissan ha scelto di intraprendere un’avveniristica strada di innovazione e di promozione, basata sull’estetica e sull’ottimizzazione energetica. La società ha infatti ipotizzato di verniciare l’auto con una tinta fluorescente, che cattura raggi UV di giorno e li rilascia per 7-8 ore di notte. Il risultato è esattamente quanto avviene nell’immagine copertina del nostro post: non certo il modo migliore per passare inosservati!

Ad ogni modo, non di sola estetica si vive. La nuova realizzazione di Nissan è infatti non solo utile per apparire ancora più glamour, quanto anche un sostanziale aiuto alla sicurezza, specie quando si viaggia su strade o autostrade poco illuminate. La vettura elettrica in questo modo compensa la sua scarsa rumorosità (un problema per i meno attenti) con una maggiore evidenza per quanto concerne la sua capacità di segnalare la presenza con una colorazione fluo.

Leggi anche: Nuova offerta per Nissan Juke

Purtroppo, prima di mettere effettivamente le mani sul veicolo, occorrerà attendere ancora un po’. Per il momento Nissan ha infatti solo ipotizzato di predisporre una simile auto, probabilmente per fini promozionali. Come ricordava un approfondimento condotto da Wired qualche giorno fa, infatti, l’idea sembra essere un modo un po’ indiretto “di suggerire a chi acquista auto elettriche – che secondo un sondaggio della casa nipponica vengono ricaricate alla presa di casa soprattutto di notte – che conviene munirsi di pannelli fotovoltaici per ridurre ulteriormente le spese. Come spiega Nissan, infatti, se è vero che l’energia dei pannelli non si può accumulare e si azzera durante le notte, è anche vero che quella prodotta in eccesso di giorno, e ceduta alla rete elettrica, viene rimborsata, pagando così di fatto la carica notturna dell’auto”.

In ogni caso, l’idea potrebbe avere anche un ulteriore seguito commerciale. La novità di tale vernice fluo è infatti che è completamente biodegradabile e pulita, oltre chè totalmente resistente da poter essere garantita per 25 anni.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi