Prime visibili crepe in casa Volkswagen

22Volkswagen-web-master675Dopo risultati di periodo non ancora pienamente in grado di riflettere quanto accaduto con lo scandalo Dieselgate, il brand Volkswagen sembra iniziare a risentire gli effetti dello scandalo dei sistemi di controllo dei fumi di scarico taroccati, diffusi nel mercato americano e in quello europeo.

Come confermano gli ultimi dati forniti dall’azienda, infatti, nei primi 10 mesi la società ha registrato un calo delle consegne alla clientela del 4,7% a 4.839.600 unità, di cui 490 mila nel solo ottobre (-5,3%).

“Il marchio Volkswagen sta vivendo momenti difficili. Non stiamo affrontando solo le questioni del diesel e della CO2, ma anche situazioni di tensione sui mercati mondiali” – ha commentato il responsabile vendite, marketing e servizi post-vendita, Juergen Stackmann. “Gli sviluppi in Brasile e Russia continuano a destare preoccupazione, mentre siamo stati in grado di crescere sul mercato cinese in ottobre”.

Leggi anche: Nuovo allargamento dello scandalo Volkswagen

Per quanto concerne un livello di maggiore dettaglio, in Cina, che per Volkswagen rappresenta il maggior mercato singolo, il brand ha arginato il rallentamento, mettendo a segno una crescita delle vendite dell’1,8% a ottobre, ma con consuntivo annuo risultato ancora in flessione del 6,5%.

In ambito di macro aree, l’Europa ha mostrato invece un calo mensile dell’1,1% e una crescita complessiva del 2,7%. In Nord America la crescita del 3,5% di ottobre è stata anche il frutto dello 0,2% conseguito in Usa, il paese dove è scoppiato lo scandalo del Dieselgate.

Per quanto concerne le altre macro regioni, ha chiuso ancora in flessione il Sud America con un -41,8% lo scorso mese e un -27,2% da inizio anno, per effetto del crollo subito in Brasile. In Europa Occidentale, dove le consegne mensili hanno registrato un calo dell’1,3% (+5,5% da inizio anno), afferma Stackmann, con dichiarazioni riportate dal quotidiano Italia Oggi, “lo stop temporaneo alle vendite dei modelli interessati dalla vicenda del diesel ha avuto un impatto sulle performance commerciali. L’intera società sta lavorando per riconquistare la fiducia dei nostri clienti sul brand e sui prodotti”.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *