Se il carburante è troppo caro: arrivano le automobili a pipì

Non è uno scherzo: un domani potremmo viaggiare a bordo di automobili a pipì!

Il carburante, si sa, inquina.
Inoltre, tenendo conto delle manovre messe in moto dal Governo per uscire dalla crisi, è arrivato a raggiungere prezzi senza dubbio esorbitanti.

A tal proposito, non sorprende come i più geniali ed ingegnosi tra noi abbiano ripreso progetti in cantiere e stiano provando a sviluppare carburanti alternativi e assolutamente innovativi.

No! Stavolta non stiamo parlando di motori elettrici, né di auto ibride o di impianti a gas. Non ci stiamo riferendo al diesel, e neppure al metano. Ciò a cui stiamo accennando, per la precisione, sono le automobili a pipì che sempre più tecnici ed esperti del settore provano a realizzare.

A far parlare di sé, in questo caso, è l’imprenditore Franco Lisci, che dalla Sardegna (e precisamente da un convegno di Legambiente ad Alghero) ci rende partecipi del suo importantissimo progetto.

Ma continuate a leggere il resto del nostro articolo per scoprire tutto ciò che c’è da sapere sulle summenzionate automobili a pipì.

Una fonte gratuita e a zero impatto ambientale: grandi novità dalle automobili a pipì

Stando a quanto dichiarato dallo stesso Lisci, le automobili a pipì permetterebbero un risparmio del 35% sulle vetture a benzina, del 60% su quelle a gasolio e addirittura dell’80% per quanto concerne quelle a gas.

Il tutto, semplicemente utilizzando una fonte di energia gratuita e priva di additivi o sostanze inquinanti.

Elettrodomestici, impianti e automobili a pipì: il futuro è eco

A detta di Franco Lisci, che in passato ha lavorato anche per casa Fiat, le automobili a pipì non sono le uniche a supportare un propulsore alimentato a urina.

Anche per gli elettrodomestici, e ovviamente per altre installazioni, è stato progettato un motore a pipì.

Ansiosi e consapevoli di come trovare fonti di energia alternative sia senza dubbio importantissimo per il bene del Pianeta, restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi