Trasferimento di proprietà e aggiornamento della carta di circolazione

passaggio di proprietàQuando si procede a trasferire la proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, diventa necessario provvedere all’aggiornamento della carta di circolazione. Considerata l’importanza che tale procedura assume per la regolarità e il rispetto della normativa, cerchiamo di vederci un pò più chiaro.

Anzitutto, ricordiamo come la richiesta di aggiornamento debba essere inoltrata entro 60 giorni dall’atto notarile (autenticato) o dalla sentenza (giudizialmente accertata) attestante il trasferimento di proprietà.

Per poter effettuare la richiesta di aggiornamento della carta di circolazione per trasferimento di proprietà, occorre presentare la domanda, su apposito modello, presso uno STA (Sportello Telematico dell’Automobilista) compilato e sottoscritto secondo le avvertenze e le istruzioni che sono qui contenute. Il modulo è reperibile presso gli uffici della Motorizzazione, ed è disponibile online.

Come ricordato dal Ministero dei Trasporti, al modulo dovrà essere allegato:

  • Attestazione di versamento di 9,00 euro sul c.c.p. 9001 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri ovvero c.c.p. 5462288, intestato alla Regione Valle D’Aosta, per pratiche richieste in Valle D’Aosta, ovvero c.c.p. 400382, intestato alla Provincia Autonoma di Trento, per le pratiche presentate alla Motorizzazione Civile di Trento;
  • Attestazione di versamento di 16,00 euro sul c.c.p. 4028 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri;
  • Attestazione di versamento sul c.c.p. 25202003 intestato a ACI Automobile Club d’Italia Economato Generale servizi di tesoreria via Marsala 8, 00185 Roma. In questo caso l’importo viene comunicato direttamente allo sportello in quanto varia in funzione della provincia di residenza dell’intestatario della carta di circolazione, delle caratteristiche tecniche del veicolo e dei KW.
  • Carta di Circolazione in originale più fotocopia integrale.
  • Certificato di Proprietà (C.D.P) in originale con atto di vendita autenticato.
  • N. 3 fotocopie di un documento d’identità in corso di validità più fotocopia del Codice Fiscale dell’acquirente.
  • Una fotocopia di un documento d’identità in corso di validità ed una fotocopia del Codice Fiscale del venditore.
  • Nel caso di società: autocertificazione precisando il numero di iscrizione alla Camera di Commercio.

Contestualmente, si procederà al rilascio della nuova carta di circolazione e del nuovo certificato di proprietà.

Leggi anche: Come reimmatricolare un veicolo in seguito al deterioramento della targa

Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il sito internet del Ministero dei Trasporti o quello della Motorizzazione Civile.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi