Ecco l’auto volante a decollo verticale

390-flying-car-635x330Qualche giorno fa abbiamo riportato i risultati di un recente sondaggio che domandava agli italiani quali fossero le auto dei sogni che si desidera guidare. A vincere era la DeLorean di Ritorno al Futuro, davanti ad altri celebri modelli su cui tutti noi vorremmo mettere le mani. Tuttavia, guai a disperare: il prossimo futuro potrebbe infatti sconfiggere qualsiasi tipo di fantasia, rendendo la realtà molto più divertente e innovativa di quanto ci si possa aspettare.

Qualche esempio? La Terrafugia, una società statunitense leader nel settore dell’aeronautica, ha presentato i primi rendering della TF-X, un’auto a quattro posti dal design che ricorda proprio la mitica DeLorean DMC-12, che veniva utilizzata per viaggiare nel tempo. La vettura non sembra apparentemente avere niente di “strano”, ma la sorpresa ingegneristica appare quando si aprono le portiere.

Leggi anche: Auto dei sogni, cosa vi piacerebbe guidare?

Le porte del veicolo si aprono infatti ad ali di gabbiano, e bastano pochi secondi per trasformare l’auto in un vero e proprio elicottero, considerato che i portelloni nascono due rotoni che permettono all’auto di decollare in verticale.

Naturalmente, quanto sopra è solamente la punta di un iceberg tutto da scoprire. Ad esempio, nell’auto è presente un computer di bordo che è in grado di intervenire e di subentrare al controllo dell’uomo nelle fasi più delicate (come appunto quelle del decollo e dell’atterraggio), o qualora riscontri una situazione di pericolo, come ad esempio il rischio di collisione con un altro mezzo.

Stando a quanto precisa la società statunitense, l’auto sarà in grado di viaggiare addirittura ad una velocità massima di 320 chilometri orari, con un’autonomia di 800 chilometri. La ricarica verrà effettuata attraverso una normale presa elettrica casalinga.

Ad ogni modo, trattandosi di un primissimo prototipo, è ancora molto presto per cercare di capire se effettivamente la vettura possa o meno rivoluzionare il sistema della mobilità personale. Quel che è certo è che un seme è stato solidamente piantato, e che ora non rimarrà che attendere i suoi frutti…

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *