Formula 1 e motore Red Bull

motore Red Bull

Sulla cresta del successo ormai da molto tempo: il motore Red Bull è una garanzia!

Se guardando al marchio Red Bull, la prima e unica cosa che vi viene in mente è la nota bevanda energetica, ricredervi è la prima cosa da fare. La stessa compagnia che da anni riempie gli scaffali dei supermercati con un prodotto di chiaro e accertato successo, infatti, fa da tempo anche capo alla Infiniti Red Bull Racing, scuderia di Formula 1 vincitrice per ben quattro anni consecutivi (gli ultimi 4 per la precisione) dei campionati piloti e costruttori.

A tal proposito, l’RB9 è stata l’ultima vettura dotata di motore Red Bull lanciata della scuderia Infiniti. A fruirne (con enorme successo per la compagnia austriaca) sono stati i piloti Vettel e Webber. 

Una stagione eccezionale, ricca di podi e vittorie, è ciò che è venuto fuori dall’intesa assolutamente vincente che è nata tra i piloti, gli ingegneri, la Renault e tutto lo staff che ha egregiamente collaborato per portare al successo il motore Red Bull.

motore Red Bull

RB9 e motore Red Bull: un’accoppiata eccezionale

Come premesso, la Red Bull RB9 è stata l’ultima vettura con motore Red Bull a portare al successo la scuderia Infiniti e, a capo di essa, i piloti Sebastian Vettel e Mark Webber.

Nello specifico, la monoposto iridata ha montato un motore Renault RS-RS27-2013 e si è aggiudicata un numero davvero considerevole di podi e vittorie nell’ultimo campionato di Formula 1.

La vettura, infatti, facilmente riconoscibile per la presenza dell’inconfondibile toro rosso, si è aggiudicata un campionato dietro l’altro e ci riserva grandi novità anche per la stagione a venire.

motore Red Bull

Il motore Red Bull del 2014: cosa ci aspetta nella prossima stagione

Nella stagione di Formula 1 2014, il motore Red Bull che tanto successo ha portato alla scuderia Infiniti verrà sostituito dal propulsore Energy F1 (di certo altrettanto potente). Turbo V6 da 1.6 litri, esso sarà realizzato sempre dalla Renault e consentirà ai piloti di consumare quasi la metà del carburante normalmente utilizzato.

 

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *