Home Volkswagen Flop di vendite Volkswagen nel mercato USA

Flop di vendite Volkswagen nel mercato USA

Flop di vendite Volkswagen nel mercato USA Volkswagen  Come era lecito attendersi, il dieselgate inizia a far sentire tutta la sua influenza negativa per Volkswagen. E così, la compagnia tedesca non può che assistere impotente al tracollo delle vendite nel mercato nordamericano, dove è partito lo scandalo sulla manomissione delle emissioni: nel solo mese di novembre le immatricolazioni sono calate di un quarto (- 24,7%), a confermare quanto il mercato stia punendo quanto accaduto.

A proposito di Volkswagen, recentemente si è espresso sulla compagnia auto anche l’amministratore delegato di FCA, Sergio Marchionne, secondo cui il dieselgate non è solamente un problema tedesco. Parlando a margine del consiglio per le relazioni italo – americane, di cui è presidente, il manager ha spiegato come tutti i produttori di auto siano divenuti “oggetto” di interesse, contrariamente a quanto accadeva prima.

Quello delle quattro ruote, ha poi proseguito Marchionne, è un ambiente che sta diventando sempre più complesso, “specialmente dopo il caso Vw, che è andato a scombussolare tutti quanti, e le aspettative in base alle quali dovremo gestire questo comparto”. Ancora, prosegue Marchionne, l’Europa dovrebbe “sedersi attorno al tavolo e cercare di stabilizzare tutto e creare uno standard comune, un sistema di valutazione e compliance che sia uguale per tutti”.

Leggi anche: Novembre, ottimo mese per il mercato auto

Oltre ai dati americani, sono altresì usciti quelli sulle immatricolazioni francesi. Secondo i dati pubblicati dal Comité des constructeurs français d’automobiles (CCFA), nei primi 11 mesi dell’anno, le immatricolazioni transalpine sarebbero cresciute del 6,2% a 1,7 milioni. Tra i costruttori, ottima prestazione di Psa Peugeot Citroen, con balzo del 13,1%, mentre Renaut è cresciuta di 8,3 punti percentuali. Anche in Francia buone prestazioni per FCA, con balzo del 17,1%, e punte del 26,9% per il marchio Fiat. Da inizio anno ad oggi ne deriva che la progressione del Lingotto è a doppia velocità rispetto agli altri (+13,2%), con la quota di mercato ora salita al 3,75%. La quota di Ford, Toyota e Nissan, con fette intorno al 4%, non sembra più così irraggiungibile nel breve termine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here