Home BMW BWM, continua il buon trend di crescita delle vendite

BWM, continua il buon trend di crescita delle vendite

BWM, continua il buon trend di crescita delle vendite BMW  Prosegue ancora di buona lena la soddisfazione per i numeri generati da BMW, uno dei leader mondiali del comparto auto di fascia elevata. Il gruppo tedesco, infatti, continua a presentare un deciso trend di crescita delle vendite delle proprie auto, registrando nuovi record storici e superando anche per il 2016 l’obiettivo di 2 milioni di vetture vendute.

La performance positiva in termini di commercializzazione si traduce in risultati di bilancio ancora in aumento e superiori alle attese, come dimostrano gli ultimi dati relativi al terzo trimestre.

BMW prosegue altresì nello sviluppo di nuove tecnologie, oltre a garantire il lancio di importanti modelli di auto. Nonostante l’aumento stimato dei costi per ricerca e sviluppo (R&D), compensati peraltro da una maggiore efficienza operativa, la generazione di cassa futura dovrebbe rimanere positiva e in grado di sostenere la distribuzione di dividendi ancora interessanti.

Ad essere in trend positivo è inoltre l’intero mercato delle quattro ruote in Europa, i cui segnali sono sicuramente soddisfacenti. Nel corso del mese di novembre, affermano le ultime rilevazioni statistiche compiute dalla ACEA (l’Associazione dei produttori europea) le immatricolazioni nell’area compresa tra i Paesi UE e quelli EFTA ha fatto segnare una nuova variazione positiva per il 5,6% rispetto al mese di novembre del 2015, rimbalzando pertanto dopo la flessione registrata nel mese di ottobre, comunque per entità non certo significative.

Da inizio anno il saldo è pertanto positivo per circa 7 punti percentuali, trascinato dai principali mercati del vecchio Continente, con la Spagna in aumento in doppia cifra, e Francia e Italia in spinta compresa tra l’8 e il 9 per cento. Più contenuta, ma comunque pur sempre positiva, la crescita della Germania, che chiude il mese di novembre con uno sviluppo dell’1,5 per cento e i primi undici mesi dell’anno in aumento del 4,6 per cento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here